Bassanova Junior Ensemble
31 Marzo 2022

Bassanova Junior Ensemble


Quando si tratta di insegnare musica, ecco che la faccenda si fa complessa.
Mettetevi nei panni dei genitori, quando la scelta sta tra la partita di basket o il nuoto, e la chitarra. Cosa scegliereste? Se seguissimo il percorso logico-razionale considerando costi benefici, la scelta si fa pura e semplice, quindi ecco il nostro piccolo a rincorrere una palla e a far canestro o a sguazzare felice nell’acqua.
Cosa avranno pensato questi genitori? Quello che penserebbe ciascuno di noi e cioè che prima di tutto lo sport permette di fare movimento, rinvigorisce i muscoli e le ossa, migliora la postura e ci mantiene sani, mentre la musica no.
Per scoprire i benefici della musica è necessario fare uno sforzo in più, perché più sottili, meno scontati e meno visibili. Questi benefici ce li spiegano Mattia e Martina, insegnanti dediti al progetto di Bassanova Junior Ensemble.
Di che cosa si tratta? È un progetto nato per introdurre i bimbi alla musica, in particolare per il tramite del canto e delle percussioni. I bimbi vengono divisi in due gruppi, ovvero un gruppo lavorerà sulla voce e sul riscaldamento con la finalità di imparare una canzone, mentre l’altro gruppo si dedicherà alle percussioni, approfondendo la percezione e l’aspetto ritmico. Alla fine, i gruppi verranno uniti per realizzare l’orchestra Bassanova Junior Ensemble, dove verranno svolti brani insieme.

Martina è l’insegnante del gruppo canto, così lavorando alla voce con un coro di bimbi rende subito chiari i benefici, ovvero la collaborazione e il confronto continuo. I bambini imparano a stare in gruppo, a rispettare i tempi propri e altrui, imparano il dialogo e l’incontro. Utilizzando la terminologia tipica della musica e soprattutto del jazz, questo approccio si chiama Groove, che deve essere inteso come la capacità del gruppo di un sentire comune. I bambini imparano insieme, lavorano insieme e suonano insieme generando in loro il senso del gruppo, dell’essere parte di, dell’essere un tutt’uno gli uni con gli altri. Altro aspetto è l’Impromptu, altro termine rubato dalla tradizione jazz, che descrive invece la capacità di ascolto reciproco; ecco un altro beneficio del progetto Bassanova Junior Ensamble.
Mattia è l’insegnante del gruppo percussioni. L’obiettivo è sia tecnico, dove per l’appunto vengono insegnate le basi della ritmica, la lettura delle note e l’uso di strumenti alternativi alla batteria, quali djembe, cembali, bongo, conga, sia umano. L’obiettivo umano è simile a quello di Martina, quindi ecco la volontà di favorire la collaborazione, la concentrazione e la responsabilità; infatti, Mattia ci dice che la concentrazione è importantissima perché senza di essa non sarebbe possibile suonare insieme al gruppo, perché lo rallenteremo. In questi termini si tenta di favorire lo sviluppo della responsabilità e così la collaborazione.

Riassumendo i benefici sono tantissimi, si impara un nuovo linguaggio dettasi partitura, si imparano nuove regole chiamate ritmo e armonia, si impara un nuovo modo di essere cioè in gruppo, e infine si acquisisce un nuovo modo di fare ovvero la collaborazione e l’aiuto reciproco.

Bassanova Junior Ensamble si svolge ogni martedì presso la sede del Circolo musico-culturale “Il Cenacolo” che ha sede a Villa Estense, in provincia di Padova. Per qualsiasi info potrete visitare le pagine social di Facebook e Instagram oppure il sito di Bassanova Music Factory.
Non perdetevelo!